La soluzione naturale al benessere del tuo corpo.

farmacqua_plus-compressor
farmacqua_piu

Farmacqua più è una nuova concezione d’acqua che torna alle origini, all’essenza di questo elemento per regalarci tutte le sue proprietà benefiche.
Niente di più che semplice acqua. È questa la vera rivoluzione. In particolare, questo prezioso dispositivo entrato nella quotidianità di moltissimi italiani, ti permette la comodità di un’acqua pregiata, sempre fruibile e gratuita dal rubinetto di casa. Nello specifico l’acqua Farmacqua più, è a basso contenuto di batteri patogeni, elementi pericolosi come l’arsenico, metalli pesanti (piombo e cadmio), nitrati e sostanze chimiche inquinanti come il cloro. L’acqua in uscita è, inoltre, a basso residuo fisso, cioè a basso contenuto di sali minerali disciolti. Farmacqua più, oggi come oggi, si conferma un dispositivo indispensabile nella gestione della vita quotidiana, poiché ti regala la possibilità di scegliere per te e la tua famiglia e di avere un’acqua buona in modo autonomo e indipendente. Perché tua, semplicemente la tua acqua.

acqua_alcalina

L’acqua alcalina e’ ideale per l’idratazione quotidiana, e’ arricchita con ioni negativi attraverso un naturale processo di scambio ionico. Il ph e’ una scala di misura dell’acidita’ o della basicita’ di una soluzione acquosa. si misura su una scala da 0 a 14. Il ph del nostro corpo e’ influenzato dall’alimentazione, dallo stress, dai naturali processi cellulari che tendono ad acidificare e quindi ad abbassare il ph dei tessuti. Per questo motivo bere un’acqua alcalina aiuta a contrastare l’acidosi metabolica. L’acidosi metabolica irrita, intossica, infiamma, indebolisce la vitalita’ degli organi ed in generale compromette il buon funzionamento di tutto l’organismo in quanto ostacola sia la respirazione cellulare sia gli scambi fra cellule ed ambiente extracellulare.

CALCOLOSI E PREVENZIONE

L’attuale alimentazione occidentale è fondamentalmente composta da un alto contenuto di proteine animali, un alto contenuto di carboidrati raffinati, un elevato consumo di prodotti industriali e bibite zuccherate e un basso contenuto in acqua e fibre vegetali. Da tutto ciò deriva la formazione di calcoli renali che, tecnicamente, sono delle piccole aggregazioni derivanti da depositi di sali minerali, in genere situati nelle vie urinarie o nei reni. I sali minerali possono essere composti da minerali organici o inorganici. Solo le piante possono assimilare le sostanze inorganiche mentre gli uomini non sono in grado di farlo, per questo la qualità dell’acqua è di fondamentale importanza per la prevenzione della loro formazione e per la loro cura naturale. Un’assunzione giornaliera di circa 2 litri/die di acqua, iposodica e ipocalcica, è essenziale per il corretto funzionamento dei reni, riduce la probabilità di precipitazione dei sali, poiché li aiuta ad eliminare le scorie in eccesso, principalmente attraverso le urine.

DISITRATAZIONE E DIABETE

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS), il diabete di tipo 2, rispetto a dieci anni fa, nel 2015 è destinato ad aumentare del 50%. Tra le molteplici cause che contribuiscono al suo insorgere, quella legata all’apporto calorico tramite gli zuccheri aggiunti è da considerarsi di notevole importanza. La sana alimentazione risulta essere un valido aiuto nella gestione del diabete di tipo 2 e bere una buona dose giornaliera di acqua è un ottimo sistema per mantenere nella normalità la quantità di zuccheri nel sangue. Bere molta acqua aiuta a ridurre il rischio di iperglicemia. Un’acqua lievemente mineralizzata, di per sè equilibrata, riesce, data la sua caratteristica neutrale, a ristabilire livelli di corretto equilibrio idrosalino nell’organismo con conseguente salubrità dello stesso.

ACQUA E NITRATI

Di per sé i nitrati sono degli agenti chimici innocui che si trovano nella nostra acqua a causa dell’inquinamento delle acque superficiali e sotterranee, della dispersione delle reti fognarie, della cattiva gestione dei fanghi provenienti dai trattamenti degli acquedotti, dello scorretto trattamento dei liquami zootecnici e dell’eccessivo impiego di fertilizzanti azotati in agricoltura.

Qual è il problema allora? L’organismo umano trasforma i nitrati in nitriti che, reagendo con le ammine o gli amminoacidi contenuti negli alimenti, formano le nitrosoammine, alcune delle quali cancerogene e, altre, ritenute sostanze ad azione mutagena diretta. Inoltre, i nitrati, all’interno del sistema circolatorio sanguigno possono provocare la modifica dell’emoglobina in metaemoglobina, con conseguente riduzione dell’ossigeno. Nei neonati, per esempio, la metaemoglobinemia è la causa di una grave malattia conosciuta come “blue baby sindrome” ovvero la sindrome del bambino cianotico.

ACQUA E PEDIATRIA

I bambini evolvono il loro atteggiamento verso il bere nella prima infanzia, è quindi importante trasferire loro delle corrette abitudini e la consapevolezza di quanto sia importante una buona idratazione che li aiuterà sia durante l’accrescimento, sia nelle fasi successive. Per un bambino è estremamente facile disidratarsi rapidamente con l’attività fisica, una febbre, nelle calde estati o durante una diarrea seppur breve. Una dieta ottimale, non solo in gravidanza, ma in ogni periodo della vita, soprattutto durante la crescita deve comprendere quantità adeguate di tutti i nutrienti, oltre che di acqua. L’acqua da assumere in gravidanza e durante l’allattamento deve essere pura, perchè gli inquinanti contenuti in essa possono influire negativamente non solo sul benessere della gestante ma anche sulla salute del nascituro. Assumere quotidianamente almeno 2 litri di acqua al giorno, batteriologicamente pura e leggera, contribuisce al tuo benessere e a quello del tuo bambino.

fattore_piu